Serrature a doppia mappa: vediamoci chiaro
Porte blindate Torino

16 . Jun . 2017 | in Porte blindate, Serrature


Tutte le parti che compongono una porta blindata sono importanti, ma forse nessuna quanto la serratura. Questo congegno, come ben sappiamo, ha il compito di chiudere in modo ermetico una qualsiasi anta e impedire l’accesso di soggetti indesiderati. Tuttavia è un elemento sensibile, perciò bisogna sceglierlo con attenzione!

Lo diceva anche Ben Parker a suo nipote Spider Man che “da un grande potere derivano grandi responsabilità”: così è per le serrature! Per quanto grande o pesante sia una porta, se la serratura non è di qualità, si rischia l’effrazione.

Quando ci si approccia per la prima volta al mondo delle serrature, si scopre che le possibilità sono tante e che non è solo una questione di estetica!

Diverse forme e caratteristiche danno vita a livelli di sicurezza differenti.

Cerchiamo allora di venirne a capo entrando nel mondo delle serrature più diffuse tra le porte blindate di Torino: quelle a doppia mappa.

Fino a qualche anno fa, quasi tutte le porte blindate di Torino avevano una serratura a doppia mappa, tant’è che rimangono tuttora molto diffuse. Purtroppo, nel corso del tempo i ladri hanno affinato tecniche e strumenti e questo tipo di serratura ha così perso di efficacia. Volete saperne di più? Approfondiamo insieme le problematiche legate alla doppia mappa!

Come riconoscere una doppia mappa

La chiave doppia mappa è facilmente riconoscibile: ha un lungo stelo, detto gambo, e una forma allargata alla base. Questa si compone di due ali segmentate, dette appunto mappe.

A livello di struttura, la serratura a doppia mappa è generalmente costituita da un corpo unico, da acquistare, montare e sostituire in blocco, privo di pistoni o cilindri, diversamente da altri tipi di serrature. Esistono gruppi di leve azionabili dalla chiave a doppia mappa, che è possibile sostituire a parti della vostra serratura, tuttavia quasi sempre sono differenti da un modello all’altro e di marca in marca, quindi difficilmente sono intercambiabili.

Chiavi per serrature a doppia mappa

Serratura a doppia mappa con quadro maniglia

Questioni di sicurezza

Parliamoci chiaro: la prima cosa che ci interessa è che la serratura sia inviolabile. Questo è il primo, fondamentale requisito e, in tutta onestà, serratura a doppia mappa tradizionale non è in grado di compiere al meglio questo compito.

La sua forma infatti, rende semplice l’effrazione: basta introdurre strumenti da scasso al suo interno per forzarla. In particolare esiste un attrezzo che è bene temere per la vostra porta blindata di Torino: il grimaldello bulgaro. Ormai largamente diffuso tra gli scassinatori, è uno strumento grazie al quale il ladro riesce a forzare la serratura a doppia mappa tradizionale in pochi secondi, senza fare rumore e senza lasciare segni!

Come controparte positiva, c’è da dire che sono immuni alla tecnica del key bumping, anch’essa molto diffusa tra gli scassinatori moderni, grazie alla loro struttura priva di pistoncini e contropistoncini.

Per utilizzare questa tecnica, occorre avere una chiave speciale, detta Bump-key, creata ad-hoc sul tipo di serratura che si vuole aprire. La Bump-key viene inserita e colpita ripetutamente con un leggero marteletto, allo scopo di trasferire la forza d’urto ai pistoncini della serratura. Questi ultimi, trasferiscono a loro volta l’urto ai contropistoncini, facendoli arretrare simultaneamente e dando il “via libera” all’apertura della vostra porta blindata a Torino. Chiaramente la serratura a doppia mappa, essendo priva di questi pistoncini, non risente minimamente di questa tecnica.

Cos'è il grimaldello bulgaro

Il grimaldello bulgaro è un grimaldello universale che ha una forma simile ad una chiave a doppia mappa con un lungo stelo e una base finale quasi rettangolare, formata da pistoncini mobili. Il profilo della sua base viene ricostruito sul momento, semplicemente inserendo il grimaldello nella serratura e agitandolo delicatamente. In tal modo, i pistoncini si muovono fino ad assumere la forma della chiave e a quel punto al ladro non resterà che aprire comodamente la porta di casa. Non è necessario quindi né avere la chiave originale (o una copia), né smontare la serratura. 

Non vedo, non sento, non parlo

Le chiare conseguenze di uno scasso eseguito con il grimaldello bulgaro sono che:

  • se non sento rumori, non mi accorgo dell’ingresso di un malintenzionato in casa, specialmente quando è notte
  • funzionando come una chiave normale, non ci sono segni di scasso e quindi, nel momento in cui è in corso il furto, nessuno può accorgersi che sta succedendo qualcosa di strano
  • se non ci sono segni di scasso, non posso dimostrare quanto è avvenuto all’assicurazione

A tutto questo si aggiunge il fatto che le chiavi a doppia mappa sovente sono libere da brevetto. Quindi chiunque entri in possesso della chiave, ha la possibilità di duplicare.

Quindi nessuna chiave a doppia mappa è sicura?

Le serrature a doppia mappa di vecchia generazione, ormai si sa, non sono più affidabili e occorre cambiarle al più presto con meccanismi più sicuri. Attualmente si stanno studiando nuove tipologie di chiave a doppia mappa che assicurino livelli di sicurezza maggiori.

In foto vedete alcuni esempi di soluzioni di serrature “anti grimaldello bulgaro” che richiedono chiavi con denti opposti non regolari, e che rendono più difficoltosa l’effrazione delle porte blindate di Torino. Tuttavia, al giorno d’oggi è molto probabile che vi verrà consigliata la sostituzione della vostra serratura a doppia mappa con una a cilindro europeo.

Serratura a doppia mappa ricifrabile

Serratura a doppia mappa plurisistema ricifrabile

Se volete essere certi della “qualità” della vostra serratura, il nostro consiglio è di rivolgersi sempre a esperti che possano valutare le vostre chiavi e giudicare di conseguenza la sicurezza della vostra porta blindata a Torino.

Una cosa è certa: con le porte blindate TuttoPorte non avete di che preoccuparvi! Qualità e sicurezza sono garantite.

Venite a scoprirlo voi stessi nei nostri showroom.