Serrature digitali: il futuro della sicurezza è adesso!
Porte blindate Torino

30 . Jun . 2017 | in Porte blindate, Serrature


I processi e le innovazioni tecnologiche stanno entrando a far parte sempre più della nostra quotidianità, tanto da affacciarsi anche al mondo delle porte blindate di Torino. Come? Attraverso le serrature.

Oggi il mercato, oltre alle serrature più tradizionali a doppia mappa e a cilindro europeo, propone anche diverse tipologie di serrature digitali, attivabili tramite impulsi elettrici. Il loro utilizzo è in continuo aumento grazie alla loro praticità e ai molteplici vantaggi che offrono. Scopriamo insieme come funzionano!

Quando la chiave cambia look

Quando siamo di fronte a una porta blindata con serratura digitale, possiamo aprire la porta con un comodo transponder digitale: non serve più la chiave tradizionale! Questo sistema infatti non necessita né di fili né di collegamenti e, in alcuni casi, funziona anche se lettore e serratura sono separati.

I rilevatori di vicinanza, che consentono l’apertura delle serrature digitali, funzionano grazie ai sensori di prossimità, spesso magnetici, e sono molto utili e pratici. Oltre ad essere sicuri infatti, consentono di abbandonare l’ingombrante mazzo di chiavi che così tante volte si rischia di lasciare in giro: per aprire la nostra porta blindata di Torino, basterà un semplice gettone o una tessera! Ma la comodità non finisce qui: ormai è possibile attivare questi meccanismi anche da remoto, sfruttando appositi telecomandi o il proprio smartphone. Questa tipologia di serratura può infatti funzionare tramite app o bluetooth.

I plus del digitale

Il cilindro digitale della serratura elettronica utilizza, in ogni trasmissione dati, un sistema a doppia crittografia che garantisce un’ottima protezione da intrusioni e decifrazioni indesiderate. Dà inoltre la possibilità di registrare migliaia di accessi, identificare quelli autorizzati e segnalare qualsiasi tentativo di effrazione in tempo reale.

Serratura con rilevatore di vicinanza

Serratura con apertura tramite tessera

Una combinazione sicura

Un altro modello di serratura digitale prevede la presenza di un tastierino sulla vostra porta blindata di Torino. Questo sistema permette l’attivazione dello scrocco del portone tramite un codice personalizzabile, composto da un minimo di quattro cifre.

Il tastierino è pratico ed affidabile, si inserisce in ogni tipo di struttura con estrema facilità, permette la memorizzazione di centinaia di codici utente e dispone delle funzioni di cancellazione e installazione del codice, spesso direttamente dalla tastiera.  

Anche questa tipologia di serratura prevede la possibilità di utilizzare un controllo remoto mediante l’utilizzo di un codice di abilitazione particolare. Inoltre, talvolta permette di collegare più tastiere ad un’unica interfaccia e di gestire comodamente funzioni differenti.

Serratura digitale con tastierino

Serratura digitale a lettura biometrica

La chiave… a portata di mano!

Al giorno d’oggi è anche possibile aprire le porte blindate di Torino con una sola mano. Letteralmente! Com’è possibile? Tutto avviene tramite l’identificazione biometrica, una tecnica le cui applicazioni permettono il riconoscimento personale per mezzo di caratteristiche fisiche, quali il volto, la voce, l’iride e l’impronta digitale.

Nata come applicazione per accedere a zone di massima sicurezza in ambito militare o industriale, grazie allo sviluppo tecnologico e alla diminuzione dei suoi costi, la biometria ormai viene usata anche in ambito domestico, tanto da coprire il 50% del mercato di riferimento.

Poiché la precisione di identificazione è differente a seconda della parte del corpo prescelta e considerando l’importanza che viene data, nel mondo delle porte blindate di Torino, al tema della sicurezza, questo sistema si basa principalmente sull’utilizzo delle mani.

Il riconoscimento avviene tramite l’individuazione di punti, chiamati minuzie, sull’immagine dell’impronta del dito. Si parte dalle zone che presentano maggiori discontinuità o imperfezioni, ad esempio dove le linee si biforcano o si interrompono e da qui si ricavano tra i 10 e i 20 punti di lettura. Questi vengono poi trasformati in una combinazione numerica di almeno otto cifre.

Il meccanismo

Proviamo a capire in maniera più approfondita come funziona questo sistema. Partiamo dallo scanner adibito alla lettura dell’impronta e dai suoi componenti ottici, tra cui un dispositivo di carica, una lente, un LED e un prisma. Quest’ultimo, grazie alle sue proprietà, riflette la luce in presenza di aria e la riemette nel momento in cui si trova a contatto con la superficie di un altro materiale.

Quando un dito si appoggia al sensore, il prisma riflette quindi un’immagine pari al negativo dell’impronta digitale, che viene poi elaborata dall’unità centrale e da qui si forma la mappa di punti codificata nel template.

La sicurezza

L’identificazione biometrica è considerata una tecnica che garantisce un eccellente livello di sicurezza innanzitutto perché dalla combinazione numerica non si può risalire all’immagine dell’impronta scansionata.

Inoltre, è possibile memorizzare più impronte digitali e limitare l’accesso alle sole persone desiderate. Qualunque operazione di abilitazione e di cancellazione utente, viene infatti accettata dal dispositivo, esclusivamente a seguito del riconoscimento dell’utente amministratore.

Le ultime tecnologie dispongono anche di un’abilitazione degli accessi solamente in determinate fasce orarie, mediante la definizione di programmi settimanali differenti per ogni profilo utente. In questi casi è anche possibile accedere alla cronologia degli accessi.

Serratura con apertura tramite identificazione biometrica

I vantaggi

Possiamo affermare con certezza che possedere una serratura digitale di questo tipo su una porta blindata a Torino presenta diversi vantaggi:

  • è unica, perché non esistono due persone con la stessa impronta digitale;
  • è praticamente impossibile da replicare o rubare;
  • è invariabile, poiché sfrutta delle caratteristiche costanti nel tempo;        
  • è comoda, perché basta un dito, difficile da dimenticare ed evita gestioni di password, combinazioni o mazzi di chiavi da trasportare;
  • difende gli accessi dalle persone non autorizzate o indesiderate;

In ogni caso, la presenza e l’installazione di una serratura digitale, non esclude la possibilità di utilizzare una chiave meccanica! Siete dunque liberi di concedervi ogni possibilità per soddisfare il vostro bisogno di sicurezza.

Ecco la nostra porta a gestione elettronica Torterolo & Re › Gold Linx Light