Sostituzione dei serramenti: detrazioni e agevolazioni fiscali 2016

13 . Jan . 2016 | in Risparmio energetico, Curiosità, Detrazione fiscale


La notizia che in molti aspettavano è arrivata: è stata approvata dal Senato con voto di fiducia la Legge di Stabilità 2016 che prevederà, tra le altre cose, diversi incentivi interessanti per chi nel nuovo anno deciderà di apportare migliorie alla propria casa.

Per tutta la durata del 2016 sarà possibile avere accesso all’ecobounus 65%, alla detrazione 50% per le ristrutturazioni e al Bonus Mobili.

Vediamo insieme, dunque, quali sono i punti salienti ed in che modo questi possono essere utili al fine di sostituire i vecchi infissi di casa godendo di detrazioni fiscali.

ECOBONUS 65%

È stata prorogata fino al 31 dicembre 2016 la detrazione fiscale del 65% per interventi di efficientamento energetico e di adeguamento antisismico degli edifici.

Sono quindi detraibili le spese sostenute per interventi sull’involucro dell’edificio che consentano di ottenere una riduzione della trasmittanza termica, tra cui si annovera anche la sostituzione degli infissi, e i lavori preventivi di adeguamento antisismico degli edifici adibiti a prima casa e ad attività produttive ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità. La detrazione è inoltre estesa all’acquisto, installazione e posa in opera degli impianti domotici.

Potranno usufruire della detrazione anche gli Istituti Autonomi Case Popolari che nel 2016 sosterranno spese per interventi sugli immobili di loro proprietà adibiti a edilizia pubblica residenziale. È bene inoltre sottolineare come per i lavori di riqualificazione energetica delle parti comuni dei condomini, i condomini incapienti potranno cedere la loro quota di detrazione alle imprese che realizzeranno gli interventi.

DETRAZIONE 50% SULLE RISTRUTTURAZIONI E BONUS MOBILI

Sino al 31 dicembre 2016 sarà possibile avere accesso alla detrazione del 50% sugli interventi di ristrutturazione. È confermato, anche per quest’anno, il tetto massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e le dieci rate annuali per il rimborso. Sono detraibili le spese per lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, lavori di ristrutturazione edilizia ed eliminazione delle barriere architettoniche.

Sempre fino al 31 dicembre è sarà possibile usufruire del Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10000 euro rimborsabile in 10 anni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici ad alta efficienza energetica destinati ad arredare una casa sottoposta a ristrutturazione.

Per le giovani coppie che acquistano la prima casa sarà possibile accedere alla detrazione del 50% sino ad un tetto massimo di 16.000 euro di spesa, anche se l’immobile non è sottoposto a ristrutturazione. Per poter richiedere il bonus però, almeno un componente della coppia dovrà avere meno di 35 anni ma non è prevista distinzione tra coniugi e coppie di fatto.


Tag: