Una piccola guida per la pulizia dei vostri serramenti

02 . Dec . 2013 | in Cura e manutenzione, Infissi e serramenti


Abbiamo comprato bellissime porte in legno. Quelle che sognavamo per la nostra casa. Abbiamo cambiato gli infissi, grazie alla detrazione del 65%. Ma ora ci sorge una domanda. Come fare per mantenere porte e finestre pulite senza correre il rischio di rovinarle?
Navigando su internet si trovano diverse notizie in merito ed è facile imbattersi nei consigli sbagliati. Proprio per questo, Tuttoportevi invita a seguire questa piccola e speciale guida per prendervi cura dei vostri serramenti.

Porte ed infissi in legno. Istruzioni per l'uso

Per quanto riguarda le porte e le finestre in legno, il nostro consiglio è il seguente.
Dopo aver spolverato accuratamente la superficie, basterà utilizzare un panno umido. Evitate di usare panni abrasivi, che rischieranno di graffiare le aree trattate. Solitamente l'acqua è più che sufficiente. In caso di sporco ostinato, aggiungete un sapone neutro da mettere sul panno e non a diretto contatto con la superficie in legno.
Ricordate di lavare partendo dal basso verso l'alto. Risciacquate poi con cura, con un panno morbido, dall'alto verso il basso. Il passaggio più importante è l'asciugatura della porta e della finestra. Il legno, infatti, è portato per natura ad assorbire acqua. Per questo motivo è necessario evitare di lasciare notevoli quantità d'acqua a contatto col legno.

Come si puliscono gli infissi in PVC?

Il PVC è un materiale molto resistente, ma qualche accortezza è sempre meglio utilizzarla. Evitate, anche in questo caso, prodotti aggressivi e spugnette abrasive.
Tutto ciò che vi occorrerà sarà:

  • Un panno morbido
  • Acqua calda
  • Una goccia di detersivo per piatti

Con questi semplici ingredienti i vostri infissi torneranno splendenti, come appena installati.

E gli infissi in alluminio?

Come già spiegato nel nostro precedente articolo legno e alluminio. Una cordata d'eccellenza per gli infissi è facile tenere puliti gli infissi in alluminio. Il consiglio è di eseguire l'operazione due volte l'anno, seguendo queste istruzioni. Per pulire il telaio basterà utilizzare un panno umido. Maggiore attenzione dovrà essere invece destinata a fessure e canali di drenaggio, in cui lo sporco si deposita in maniera più insistete. Per eliminare ogni residuo potrete servirvi di uno stuzzicadenti. Per le guarnizioni impiegate l'aspirapolvere e uno straccio inumidito.
In ogni caso è sempre bene evitare l'uso di utensili affilati e di prodotti aggressivi, come alcool, solventi e acidi.


Tag: