Natale alle porte? Per porte e finestre, una ricetta a prova di sporco!

16 . Dec . 2015 | in Cura e manutenzione, Curiosità


Le prossime festività sono alle porte e, con loro, anche gli ospiti che stiamo attendendo. Complice un po’ di tempo in più da dedicare alle nostre case ed il piacere di avere una casa accogliente e in ordine, molti di noi proprio in questi giorni si cimenteranno in qualche pulizia domestica extra.

Purtroppo però, quando si fanno le faccende domestiche, la parte più snervante arriva al momento in cui bisogna pulire porte e finestre.

Eternamente a contatto con mani, polvere e agenti atmosferici, soprattutto in inverno gli infissi tendono a sporcarsi in continuazione ed i prodotti specifici in commercio rischiano talvolta di essere eccessivamente aggressivi nonché dannosi per l’ambiente.

Armati di qualche astuzia e un po’ di costanza, però, la soluzione sarà più semplice di quanto possa sembrare! Gli ingredienti per questa ricetta a prova di sporco infatti, sono economici e reperibili in tutte le case.

Vediamo insieme di cosa si tratta!

Procuratevi:

  • due panni di microfibra
  • un panno di cotone,
  • aceto di mele
  • un secchio di acqua preferibilmente tiepida
  1. Una volta recuperati questi semplici strumenti, il primo passo importante è eliminare gli accumuli di polvere: per farlo sarà sufficiente inumidire lo straccio di cotone e con questo passare la parte in legno o altro materiale delle porte e delle finestre.
     
  2. Rimosso il primo strato superficiale potremo passare alla seconda fase bagnando uno dei panni di microfibra ed inumidendolo poi con qualche goccia di aceto. L’aceto eliminerà ogni alone o macchia, rendendo splendente tutta la superficie. Durante questo passaggio consigliamo di iniziare sempre dalla parte superiore del serramento scendendo poco a poco verso il basso così da non sporcare quanto già pulito.
     
  3. Il panno di microfibra rimasto asciutto vi servirà, infine, per asciugare la superficie onde evitare il formarsi di anti-estetiche goccioline.

Semplice, no?!


Tag: